Abruzzo Travelling Polo Inoltra

Creative - Idee per la Comunicazione

Creative è uno studio di progettazione grafica che si occupa da anni di valorizzazione turistica dei centri urbani e delle aree territoriali, attraverso sistemi grafici innovativi e multimediali.

Il socio principale è Massimiliano Crea, grafico e illustratore formatosi a Pescara dapprima con gli studi artistici e poi perfezionatosi a Milano all'Istituto Europeo di Design, tra la fine degli anni 80 e l'inizio degli anni 90.

Dapprima opera come grafico professionista nel campo della progettazione grafica, dell'illustrazione e dei servizi per la stampa, collaborando con alcune aziende tipografiche, numerosi enti pubblici e aziende private per la realizzazione di progetti illustrativi ed editoriali nonchè cartellonistica.

Nel 1998 fonda la società Creative che si arricchisce del contributo di Pina Graziani.

Da qui comincia il percorso professionale volto alla valorizzazione del patrimonio storico/culturale e ambientale del territorio, che vede impegnato su più fronti lo studio Creative.

Nel nostro lavoro appassionato c'è sempre la volontà di far emergere le peculiarità di un'area, coinvolgendo nel percorso esperti nei vari campi del sapere.

I NOSTRI PRODOTTI:

  • Mappe Assonometriche; Realizziamo mappe assonometriche (cartine turistiche con gli edifici a rilievo)
  • Editoria & Depliants; Realizziamo guide turistiche, libri di grande formato, libri d’arte, riproduzioni storiche, depliants e posters

  • Plastigrafie; Realizziamo ricostruzioni prospettiche (plastigrafie) di aree territoriali più o meno ampie (gruppi montuosi, vallate, territori provinciali, aree costiere), in versione estiva e/o invernale.

  • Giochi da Tavolo & Gadgets; Attraverso il gioco molte nozioni, dalla storia alla scienza, vengono facilmente apprese, e nei vari percorsi ludici è possibile anche verificare se sono state davvero memorizzate.

  • Plastici Territoriali & Architettonici; Realizziamo plastici territoriali realistici in scala. Con queste ricostruzioni riusciamo a far conoscere vaste aree territoriali, mostrando l’esatta ubicazione di emergenze e servizi sul territorio, percorsi escursionistici, cime montane, valli, zone costiere e altro ancora. Oggi grazie alla tecnologia delle stampanti 3D riusciamo ad aggiungere particolari e personalizzazioni uniche.

  • Tabelloni Turistici; Mostrare al pubblico quanto un paese, una città, oppure un’area montana o costiera, abbia di interessante da visitare, è di importanza fondamentale per il turismo di oggi.

  • Cartografie Turistiche; Produciamo cartografie turistiche georeferenziate, per le aree urbane, per i comprensori montani e per le aree industriali. Sono cartine vettoriali che permettono un’ampia possibilità di riproduzione, dagli stampati (pieghevoli, brochures) alla tabellonistica anche di grande formato, fino al web.

  • Applicazioni per Smartphone e Tablet; Realizziamo applicativi per la valorizzazione turistica e culturale del nostro territorio, nonché per la promozione di strutture ricettive con la possibilità di prenotazioni e acquisti. Le nostre App sono progettate sia per iOS che per Android e sono aggiornabili direttamente dal cliente.
  • Siti Web; I nostri siti sono progettati per essere visualizzati su tutti i device: desktop, tablet e smartphone e permettono al cliente di aggiornare direttamente offerte e informazioni.

Tra i clienti più importanti annoveriamo Il Parco Nazionale dello Stelvio, il Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, la Regione Abruzzo settore turismo, la Ferrovia Adriatico Sangritana, il Museo Archeologico Nazionale d'Abruzzo - Chieti Villa Frigerj, il Museo della Battaglia di Ortona, l'Ecomuseo del Paleolitico di Abbateggio, il Comitato organizzatore dei Giochi del Mediterraneo di Pescara 2009, la Provincia di Chieti, la Provincia di Pescara, alcune Comunità montane abruzzesi, numerose amministrazioni comunali abruzzesi e molisane, tra cui Pescara e Chieti.

Diodoro Siculo fa risalire la conquista romana di Pollitium nel 311 a.C. Subito dopo la sconfitta, il popolo di Pollitium fu costretto all'esilio nelle vicinanze di Interamnia. Tuttavia non vi sono fonti che collegano direttamente Pollitium a Torrevecchia Teatina se non la stessa appartenenza al popolo Marrucino.

La successiva menzione è del XIV secolo quando viene chiamata Castri Turris e Turris Theatina. Nel 1743Federico Valignani fece erigere un palazzo proprio nel centro cittadino; fu chiamata quindi Villa Valignani e segui le vicende della vicina Teate.[3] Nel 1809 Torrevecchia fu eretto a comune riunendo così i due centri di Castelferrato e Torremontanara.

Uomini illustri

  • Federico Valignani - letterato fondatore della Tegea (Chieti, 1700 - Torrevecchia, 1754)
  • Ercole Rocchetti - giurista e politico di famiglia originaria di Torrevecchia Teatina. (Chieti, 1905 – Roma, 1989)
  • Remo Sbaraglia - sindaco di Torrevecchia Teatina e medico; fondatore del Centro Diagnostico San Giuseppe in Vasto (Philadelphia USA, 1920 - Chieti, 2004).

Monumenti e luoghi d'interesse

  • Chiesa di San Rocco. La chiesa di San Rocco è sita nel centro urbano del capoluogo. È stata costruita negli anni '60. Pianta di forma quadrangolare a navata unica con nartece interno e grande rosone ottagonale sul prospetto principale su piazza omonima. Le pareti laterali si sviluppano in linea spezzata con 10 finestroni verticali ricavati nei lati corti con vetrate decorate da passi biblici, per una illuminazione interna originale. Sulla sinistra della facciata si erge l'alto campanile, oramai simbolo della piccola comunità teatina. Dalle foto e dai testi del seguente sito:
  • Chiesa della Madonna della Libera. La chiesa è sita nella località Torre ed è stata realizzata negli anni '60 dal popolo di Torre. Piccolo fabbricato realizzato in muratura portante e finiture classiche dell'epoca. Facciata sobria con portichetto d'ingresso (nartece esterno). Copertura a capanna classica.
  • Chiesa di San Giuseppe. È sita in località Castelferrato. È stata costruita tra il XVII ed il XVIII secolo. È in stile pseudobarocco abruzzese. È a pianta basilicale con volta a botte. L'interno è ricco di decorazioni della tradizione artistica minore abruzzese.
  • Chiesa di San Pasquale Baylon. È sita nella località Torremontanara. La costruzione di questa chiesa viene fatta risalire al XIX secolo dopo il ritrovamento, da parte di contadini locali nei pressi del fiumeAlento, di un simulacro di San Pasquale Baylon. Chiesa originariamente destinata a cappella di famiglia, a pianta quadrata e successivamente ampliata e dotata di un campanile. Lo stile della chiesa rispecchia lo stile delle cappelle votive rurali teatine.
  • Palazzo Valignani. Nel 1505 i fratelli Valignani governarono sul feudo di Torrevecchia. Fu Federico Valignani marchese e signore di Cepagatti che volle la costruzione del palazzo nel 1743, come residenza estiva, contro il volere dei familiari per motivi legati a maligne ("maligni" o "malignani" una delle probabili origini del cognome Valignani) destinazioni pregresse (luogo degli appestati - vedi devozione per San Rocco). Il palazzo Valignani, tipica villa dell'epoca, sorgeva lungo un tratturo secondario che dalla montagna seguiva il percorso legato alle sorgenti ed agli invasi. Palazzo a due piani con cortile interno, voluta dal Valignani su modello della villa d'Este in Tivoli. Sul lato sinistro della facciata si erge una torre d'angolo, costruita successivamente all'impianto originario per equilibrare la facciata. Torre erroneamente concepita come torre d'avvistamento (abnormi ed evidenti gli errori di costruzione della torre che taglia la cornice della finestra e la visuale sul lato corto del balcone)internamente non vi sono tracce su questa destinazione d'uso. Sul lato destro vi era una piccola cappella dotata di due ingressi: uno sul laterale ovvero la prima porta della cappella originaria costruita su un vecchio tempio italico e dedicato forse al Dio Esculapio (?) o più probabilmente Ercole (?) per via di alcune statuette ritrovate proprio in loco ed in mostra al Museo La Civitella di Chieti. Cappella ampliata successivamente con la modifica dell'ingresso sulla piazza anch'essa dedicata a San Rocco. Frequentata dal popolo fino al 1960, quando subì danni in circostanze misteriose. Danni che provocarono il crollò del campanile e successivamente del tetto. Fu costruita così una nuova chiesa parrocchiale proprio sul lato corto della piazza. Il palazzo, proprietà comunale, fino ad Aprile 2010 era sede della Fondazione G. D'Annunzio, ma all'epoca era destinato al pian terreno a deposito e magazzino per la conservazione del grano, dell'olio e delle altre provviste mentre al piano superiore a locali abitativi. Vi era la rimessa per le carrozze, l'abitazione dello stalliere e quella del gobbo (triste figura presente in tutti i palazzi). La sua presenza nei campi era di buon auspicio per i raccolti, mentre la sua vera funzione era di spionaggio e controllo da parte del signore).

Per Info e Costi Clicca QUI

Dati Personali
Località
Prenotazione
Pagamento
Dati della Carta di Credito a garanzia della prenotazione (nessun importo verrà addebitato salvo caso di "no show").
Per pagamento con Bonifico Bancario: Minimo 50% del Soggiorno entro un mese dall'arrivo in Hotel e saldo alla Partenza
Trattamento dei Dati Personali
I dati indicati nella presente scheda di prenotazione, raccolti in ottemperanza ad obblighi di legge e conferiti per consentire lo svolgimento del servizio, saranno trattati in piena osservanza delle disposizioni di cui al D.Lgs. 196/03. I diritti dell'interessato inerenti al trattamento dei dati personali sono quelli previsti dall'art. 7 del citato D. Lgs. 196/03. Prendo atto dell'informativa di cui sopra e consento espressamente al trattamento dei propri dati personali e/o quelli dello studio che rappresenta, nei termini sopra indicati.
Regione Abruzzo - Made in Nature, Made in Italy
Realizzato con il contributo della Direzione Sviluppo Economico e del Turismo - Regione Abruzzo nell'ambito del Progetto Interregionale "Miglioramento della qualità dell'offerta turistica (Qualità...lia) c.5, art. 5 L.135/01 - Azioni specifiche"
www.abruzzoturismo.it